Getfiche

Getfiche

SCARICARE MATERIALI BLENDER

Posted on Author Samulabar Posted in Rete


    Material Library VX funziona egregiamente e puoi crearti le tue librerie sotto forma di getfiche.com che salvi o copy nella cartella del add-on. Community per blenderisti italiani. Importare materiali • Tutorial, Guide, Manuali salve a tutti sono un nuovo del sito e sono anche un niubbone di Blender apro questo topic perchè ho un la possibilità di scaricare dei materiali ma non ho idea di come possa. getfiche.com › materiali.

    Nome: materiali blender
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: Android. Windows XP/7/10. iOS. MacOS.
    Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
    Dimensione del file: 31.46 MB

    Francesco Arena, Architetto, si occupa di formazione riguardante diversi software di modellazione 3D, render e grafica. Francesco è anche un attivista per il software libero. Ciao Francesco. Cosa ti ha portato verso quella che oggi è diventata la tua professione? Io vivo e lavoro come architetto a Firenze. Frequento colleghi e cerco di tenermi aggiornato per quanto mi è possibile.

    Probabilmente devo essere particolarmente miope per non vedere alcuna rivoluzione in atto ma solo tante difficoltà che stanno ormai opprimendo questa favolosa professione.

    Come forse ho già scritto, puoi trovare online tantissime risorse riguardo Blender, molte anche in lingua italiana. La mia vuole essere una di queste, spero di buona qualità e conto moltissimo sui tuoi suggerimenti per migliorarla e per migliorare anche la conoscenza che ho io di Blender. La data di uscita dovrebbe comunque essere entro la fine del mese di dicembre.

    Recommended Posts

    Le novità che si porta dietro una nuova release di un software possono essere importanti come Cycles, il nuovo motore di rendering che verrà introdotto di serie nella prossima versione, oppure essere dei semplici bug-fix che risolvono problemi presenti nelle precedenti release. Tuttavia i miei appunti dovrebbero rimanere a grandi linee validi per le prossime versioni. Ti ricordo che Blender è totalmente gratuito e disponibile in praticamente tutte le principali piattaforme OS X, Linux, Windows.

    Francesco è anche un attivista per il software libero.

    Tag: libreria materiali blender

    Ciao Francesco. Cosa ti ha portato verso quella che oggi è diventata la tua professione? Io vivo e lavoro come architetto a Firenze. Frequento colleghi e cerco di tenermi aggiornato per quanto mi è possibile.

    Probabilmente devo essere particolarmente miope per non vedere alcuna rivoluzione in atto ma solo tante difficoltà che stanno ormai opprimendo questa favolosa professione.

    Questo, a mio avviso, non è un bene perché si va a discapito della flessibilità, della velocità e della comprensione stessa del progetto. Bisogna essere sicuramente molto rapidi e quindi certe soluzioni vanno elaborate direttamente in cantiere. Ho iniziato ad utilizzare i software di grafica verso metà degli anni 90 ed erano Autocad, Coreldraw e 3DstudioMax.

    Internet era appena arrivato, navigavo solo nella biblioteca universitaria utilizzando Netscape. Per imparare un software bastava il passaparola tra colleghi oppure bisognava acquistare manuali cartacei che erano particolarmente voluminosi.

    Ho iniziato ad utilizzare Blender dalla versione 2. Con Cinema4D invece le occasioni sono state più limitate e sono riferite ad occasionali collaborazioni tra le quali ricordo uno studio i cui elaborati erano stati interamente sviluppati in quel programma e volevano che fossero terminati con quel programma.

    Scarica anche:SCARICARE DEFRAGGLER

    Fu veramente molto semplice imparare Cinema4D. Ti consideri un Open Source Activist? È una mia priorità.

    TEXTURE 3D E LIBRERIE MATERIALI PER TESSUTI E TAPPETI

    Non riesco ad utilizzare esclusivamente software open source poichè per motivi di lavoro devo usare programmi che girano solo su MacOSX e Windows. Per questo motivo, almeno per ora, non utilizzo abitualmente nessuna distribuzione Linux.

    A questa attività si sono poi affiancati i corsi di informatica, i laboratori nelle scuole e le manifestazioni.

    Sicuramente e non di poco. Si, esattamente. Ci sono professionisti come graphic designer, fotografi e ingegneri anche italiani che utilizzano per il loro lavoro strumenti open source. La loro scelta non è sicuramente guidata da motivi economici ma dal riconoscimento delle qualità che questi software hanno. Si, continuamente.

    Non ho colleghi a Firenze che usano Blender, eppure questo software ha fatto passi da giganti in questi ultimi anni. Queste risorse sono per lo più gratuite e quelle a pagamento hanno prezzi molto accessibili.

    Per quanto riguarda la post—produzione, quale o quali software liberi consiglieresti? Per la postproduzione si possono usare veramente tanti software, dipende proprio da scelte soggettive e dal risultato che si vuol raggiungere.


    Ultimi articoli