Getfiche

Getfiche

SCARICA EPISODIO GOLDRAKE

Posted on Author Felrajas Posted in Rete


    Contents
  1. Ufo Robot Goldrake. Volume 1 (7 DVD)
  2. Forgot your password?
  3. Goldrake Spacer
  4. Goldrake – 35 anni fa il debutto in tv, ecco l’evento celebrativo!

Iscriviti Gratis e guarda UFO Robot Goldrake in HD. Episodio: Wstream Download · Goldrake 01 streaming akvideo AKVideo · Goldrake 01 streaming su . Ufo Robot Goldrake () streaming ITA e Download, compratibile anche su smartphone e tablet. Film e Serie Tv in alta Scarica in HD Episodio Il secondo film, "Goldrake l'invincibile", contiene un episodio inedito mai trasmesso in televisione, mentre il terzo, "Goldrake addio", ha come sigla di testa la. GOLDRAKE Mazinga Z 9 episodi da scaricare dai link qui di seguito. scarica GOLDRAKE ADDIO scarica Il Grande Mazinga contro Getta Robot · scarica Il.

Nome: episodio goldrake
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. Windows XP/7/10. iOS. MacOS.
Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 16.61 Megabytes

Chi volesse contribuire commentando un unico e preciso episodio non ha che da CLICCARE QUI e farlo, scrivendo nel forum il proprio commento e facendolo anticipare dal titolo dell'episodio e dal relativo pallinaggio cercando di stare più o meno, a occhio, nei caratteri di un commento standard.

Prima di Goldrake c'erano solo Heidi e Vicky il vichingo a tenere alto il nome del Sol Levante da noi, ma erano schiacciati dai vari Orso Yoghi, Braccio di Ferro e Furia cavallo del west.

Il suo essere un po' hippie e un po' sessantottino, con quel look e quella chitarra, poi, facevano il resto. Actarus o Daisuke, o Duke Fleed, o Goldrake, se vogliamo detestava la guerra, ma era costretto a farla perché non voleva che gli invasori di Vega, dopo aver contaminato il suo pianeta, invadessero pure la Terra.

Di versioni di Goldrake ce ne sono state tre: personalmente preferisco la prima, con il comandante Hydargos di Vega che arrivava sempre ad interrompere la tranquillità della fattoria di Righel con attacchi massicci di ufo robot e minidischi. Notevoli anche i personaggi di Alcor, l'eterno assistente di Goldrake, col suo Tfo che aveva costruito studiando alla Nasa e la prima Venusia, che era sciocchina ma contadina e cowgirl e già infatuata di Actarus.

Per quasi tutte le puntate l'astronave rosa di Hydargos, cioè, non fa altro che vomitare dischi e minidischi e non mostra quasi mai la sua potenza bellica, come se non avesse delle armi in dotazione Capolavoro animato, con un Goldrake scatenato ed un Righel che dichiara guerra agli spaziali di Vega. Zuryl, desideroso d'entrare in azione, invia centinaia di microdischi luminosi ad uccidere Goldrake e per poco questi alieni-microscopici non ci riescono. La sottotrama di Righel e famiglia che vanno al tempio buddista fuori città è solo il pretesto per vedere come Actarus se la cava fuori dalla fattoria e dal laboratorio con i microdischi.

Righel in versione samurai è simpatico, mentre la nuova lady Gandal solo faccia femminile e non più streghetta trasforma il comandante di Vega in un barone Ashura cosmico.

Personalmente la preferivo prima, anche se era troppo gracchiante quando parlava. La battaglia finale fra Goldrake e i microdischi è noiosa. Buono il look guercio di Zuryl. Il piccolo Mizar, a scuola, stringe amicizia con Aruo, un bambino misterioso che condivide con lui l'amore per i piccioni. In realtà Aruo è il gigantesco comandante Aruk di Vega sotto mentite spoglie, arrivato sulla Terra per far fuori Goldrake e distruggere il laboratorio di Procton.

Actarus, per Mizar, è sempre un fratello maggiore, ma qui ha solo un ruolo eroico. La battaglia finale fra Goldrake e il robot di Aruk a forma di pipistrello è breve ma intensa. Duke Fleed lo gela con una battuta: "Come puoi essere un killer di Vega e amare i piccioni? Incredibile la statura e il look di Aruk, bravo Mizar che fa il bambino e non l'eroe. Più che i rimorsi di Alcor, che si sente responsabile del peggioramento della ferita di Actarus perché il nostro si fa male a causa di una trave di ferro caduta proprio sul suo braccio destro, prima del volo di collaudo del TFO 2 è il coraggio di Duke Fleed che colpisce, quando entra in azione comunque con Goldrake, nonostante il dolore della ferita.

Bell'episodio commovente e buon combattimento di Goldrake. Dopo Festa di Capodanno torna, come ospite d'onore, Boss robot, per aiutare Alcor che ha perso anche il secondo TFO nell'episodio precedente. A parte il fatto che il ragazzo avrebbe bisogno di ben altro robot a sua disposizione, capace d'aiutare Goldrake veramente Mazinga Z , la storia non è certo dissimile alla precedente col Boss Robot.

Non manca la minaccia di Vega, costituita da un ufo robot con la faccia da fenice, che per almeno due minuti impedisce a Goldrake d'uscire dal suo Spacer e attaccare a terra. Penultima apparizione di Banta nella serie che, pur entrando nel Boss Robot, viene tranquillamente snobbato da Alcor e Boss.

Righel abbatte un minidisco sparando con una mitragliatrice, ma è un caso più unico che raro.

Ufo Robot Goldrake. Volume 1 (7 DVD)

Boss, a differenza dell'episodio di Capodanno, parla con Goldrake, che lo ringrazia di essere amico di Alcor. Preferivo la prima visita di Boss: aveva animazioni migliori, anche se qui il ciccione crea un suo Spacer per volare. Le aliene di Vega, nella maggior parte dei casi, sono buone, ma il comandante Mariene, protagonista della puntata, è una killer stile Mazoniane di capitan Harlock, che si schianterebbe volentieri con la testa del suo ufo robot contro Goldrake, per ucciderlo.

E' anche l'episodio dove Actarus, grazie a Mizar e al suo ritratto della madre fatto come compito di scuola, ricorda la regina di Fleed, sua madre, morta durante l'attacco di Vega. La killer Mariene non si fa scrupoli a travestirsi da regina di Fleed grazie ad un generatore di miraggi, inserito nel suo robot che è veramente brutto, a parte la testa a forma di drago , pur d'uccidere Actarus con un anello che disintegra le persone. Il trucco non riesce grazie alla ferita protonica al braccio, che avvisa Duke Fleed della trappola.

Episodio che vede Goldrake molto in difficoltà a causa della ferita che lo paralizza. Per una volta il ragazzo sottovaluta l'avversaria e per poco non ci rimette davvero la vita. Piccolo errore di doppiaggio: quella che Actarus crede di vedere è la madre, non la sorella!

Si riconosce dai flashback a Fleed e si notano le rughe. Episodio bello, anche se del raggio ciclonico installato nella jeep di Alcor non voglio proprio parlarne.

Goldrake affronta prima uno stormo di minidischi mandati al massacro da Zuryl per vedere quali punti deboli ha il robot di Duke Fleed , poi un mostro a forma d'insetto di Fleed, che abbatte Goldrake, almeno in apparenza. Ultima apparizione del "messicano" Banta che va ad avvisare Righel dell'arrivo del mostro di Vega. Vedere Alcor che batte in ritirata assieme a Righel, con la sua jeep a raggi protonici, non mi fa che piacere. Goldrake è Goldrake ed io adoro quando è il robot di Actarus a sistemare le cose con l'Alabarda e il Tuono Spaziale.

Il ministro Zuryl scopre che Goldrake ci mette sette secondi a uscire dal suo disco e sei per rientrare, due particolari che torneranno utili in un altro episodio. Bello e ottimamente animato!

Forgot your password?

Guas, principe della stella Lupo, viene mandato sulla Terra da re Vega per uccidere Goldrake e lo sconfigge subito, ma lo risparmia perché intende attendere la notte di luna piena per infliggergli il colpo di grazia. Gaus, dai lineamenti da guerriero greco, ha ben poco del lupo mannaro; anzi, per dare una possibilità a Duke Fleed, si traveste da Clint Eastwood e lo sfida in abiti borghesi, fingendosi uno cowboy straniero arrivato come ospite alla fattoria di Righel.

Episodio dove è più interssante la parte della sfida western umana che la guerra fra robot, perché cosa inedita. Gaus è l'ennesima vittima di Vega ed è Venusia ad aprirgli gli occhi, dopo che Actarus gli ha salvato la vita quando l'alieno perde il duello con lui e rischiando di morire affogato nel fiume.

Gaus è un ottimo antagonista, in un slancio di umanità si lascia trafiggere dall'Alabarda Spaziale di Goldrake perché ama i fiori e nel suo pianeta non ci sono più. Ultimo episodio del Goldrake prima maniera.

Episodio che vede anche il debutto di Goldrake 2, l'astronave di Alcor ideata dal dottor Procton, che si aggancia al robot di Actarus come un Jet Scrander di mazinghiana memoria. Goldrake grandioso, Goldrake 2 invece, no, perché quando interviene il mostro di Beatle è già semi-distrutto e dire che è il suo battesimo del fuoco. Actarus e Alcor si esercitano, da Procton, nell'agganciamento fra Goldrake e Goldrake 2, mentre dalla base lunare degli invasori scende sulla Terra il disco giallo a lame taglienti del comandante Zigra, della guardia imperiale del re Vega la seconda, dopo il comandante Gorman di Missione da Vega.

Zigra è uno che studia i punti deboli degli avversari, ma è anche un uomo vanitoso e pieno di sé che vuole fare tutto da solo. Si riparla dei tempi morti di Goldrake perché Zigra, non appena avvista il nemico, abbatte lo Spacer proprio quando Actarus ordina a Goldrake d'uscire fuori. Il fatto che i due amici distruggano insieme l'ufo di Zigra che si trasforma poco in robot lanciando contemporaneamente i Boomaraang Elettronici di Goldrake e con le Lame Cicloniche di Goldrake 2, mi piace molto, perché sia i fan di Goldrake che di Goldrake 2 vengono accontentati nello stesso momento.

Se già con Un miraggio mortale si vedeva Goldrake in difficoltà, qui si raddoppia. Episodio che cambia le carte in tavola, ma che è anche noioso.

Oltre a Venusia, anche Actarus cambia abiti civili divenendo più principe e meno contadino. Actarus ringrazia la ragazza per avergli salvato la vita ma l'invita a fare la contadina e non la guerriera. Ovviamente Venusia non l'ascolterà, perché la solfa continua nell'episodio successivo.

Curiosità: Venusia sfoggia lo stesso vestito con due colori diversi Fra azioni di disturbo e la seconda ferita di Alcor in battaglia, Venusia, vedendo che il suo Actarus le prende da un altro mostro da quattro soldi, va in suo soccorso alla guida di Goldrake 2.

Si ripete, con alcuni cambiamenti, il canovaccio dell'episodio scorso; l'unica differenza è che anche Righel viene a sapere da Mizar che Actarus è Duke Fleed. Triste vedere Goldrake in queste condizioni: persino un mostro goffo con la frusta lo mette in difficoltà. Le animazioni, poi, non aiutano: l'agganciamento fra Goldrake 3 Goldrake 2 è fra i peggiori graficamente proposti. La resa di Actarus nei confronti di Venusia, ormai guerriera, è quella di un ragazzo rassegnato, ma il tira e molla fra i due non finisce qui.

I bisticci fra Actarus e Venusia sembravano essere finiti nella puntata precedente, invece continuano anche qui, dove almeno Goldrake ha una battaglia spaziale dignitosa. Gli invasori, dimenticandosi del superuranio, progettano di attaccare Goldrake e il laboratorio su due fronti in un'azione degna dei cattivi de Il Grande Mazinga.

Sarà proprio Venusia, in sella alla motocicletta di Actarus, a salvare il centro del dottor Procton da tre minidishi da caccia, sputati fuori da un mostro di Vega che, altrove, impegna Goldrake e Goldrake 2 in battaglia. Episodio discreto e animato molto meglio del precedente, dove la ragazza si mostra ottima ginnasta, in una competizione sportiva e indossa, per la prima volta, la sua tuta spaziale. Stavolta la sostiene il padre Righel, vestito da ninja - come il suo corrispettivo gemello di Cutie Honey -, che l'aiuta contro i soldati invasori.

Goldrake sembra leggermente più forte, anche se Actarus accetta stavolta e per sempre l'aiuto di Venusia che, magari, era progettato fin dalla prima puntata ma si poteva congegnare meglio.

Venusia vestita da ginnasta è molto sexy, al contrario del padre che fa sempre ridere anche come ninja. Purtroppo Goldrake, pure qui, viene sonoramente battuto dai cattivi. Difficile mandar giù che il Boa Boa - un mostro veramente terrificante, ma più credibile dei precedenti tre - sconfigga Goldrake che rimane anche senza energia in acqua e abbia difficoltà in cielo, con Goldrake 2.

Quasi quasi si parteggia per i veghiani, perché rischiano di rimanere senza energia, senza luce e senza dischi combattenti. Unico episodio con Venusia in veste di pilota in seconda di Goldrake 2. Episodio che vede il debutto del Delfino Spaziale, veicolo marino del dottor Procton, pilotato da Venusia e presentato alla fine della puntata precedente.

Alla fine i buoni trionfano e Alcor dice che la squadra di Goldrake è al completo, anche se mancano Maria e la Trivella Spaziale. Più decente delle puntate precedenti. Si fanno dei cambiamenti estetici e si trasforma l'osservatorio in una fortezza bellica, degna di quella del Grande Mazinga. Anche se gli invasori di Vega che hanno stranamente risolto il problema energetico che li tormentava attaccano in massa il laboratorio con la nuova astronave di Gandal e i soliti minidischi, sono i dubbi del dottor Procton i veri protagonisti della puntata.

Il dottore è un uomo di pace, vorrebbe studiare lo spazio, ma è costretto a cambiare i suoi piani. Molto belli lo scambio di battute fra Actarus e Procton e il finale, con il laboratorio che cambia completamente d'aspetto e mette in fuga i nemici. Il comandante Gaska di Vega viene inviato sulla Terra per impiantare, in un'isola giapponese, l'ennesima base segreta.

Dopo il bell'assalto dei veghiani al laboratorio del dottor Procton ecco un episodio piatto e noioso, che vorrebbe essere psicologico.

Il comandante Gaska è ossessionato dalla sua missione, ammazza persino i soldati che gli disobbediscono ma ha in dotazione un Ufo Robot brutto, con le fattezze di un ciclope, che riesce anche ad accecare Goldrake, per alcuni minuti. A parte i baffi del cattivo non si salva niente, nemmeno la battaglia finale fra robot. Gli invasori di Vega erano già stati sulla Terra in passato e avevano lasciato una strana scultura in pietra, in una caverna giapponese, che serve a teletrasportare i soldati e i mostri.

Episodio divertente e ben fatto che rimanda alle prime puntate, visto che Actarus stringe amicizia con due ragazzi appassionati d'archeologia e Goldrake riesce a debellare, da solo, tre gigantesche belve robot comandate da una frusta spaziale.

Nelle prime puntate Duke Fleed affrontava dei cani robot, che lo braccavano, qui, invece, gli animali da combattere sembrano pantere, anche se sono grigie e non nere.

In attesa dell'entrata in scena di Maria, nel cast della serie, il dottor Procton fa uscire dalle sue officine la Trivella Spaziale, che, nel frattempo, sarà guidata da Alcor, già pilota di Goldrake 2. Giusto in tempo per far fallire il nuovo piano dei comandanti Zuryl e Gandal, che prevede l'uso di formiche giganti e di un disco mostro dalla faccia da gallinaccio.

La componente horror rende la puntata struzzicante, con Goldrake e la Trivella Spaziale in azione che perforano le montagne e distruggono mostri a iosa. Mizar ha il suo momento di gloria, perché col suo telescopio vede scendere gli ufo invasori, come se fossero stelle cadenti. Bello e con diversi colpi di scena. Alcor, Venusia e Mizar si recano in un parco acquatico, per rilassarsi un po'. Le attrazioni principali sono gli squali addestrati. Iproprietari, invece, sono dei soldati di Vega travestiti.

Alcor cade in trappola e tocca a Venusia salvarlo mentre Actarus, che ha deciso di rimanere alla base, arriva con Goldrake a giochi quasi fatti e affronta il mostro di turno. Episodio estivo e vacanziero, sostenuto dai comprimari. Venusia ha il suo perché in bikini ma è meno intrepida de Il contrattacco di Goldrake , perché non usa le arti marziali per sbarazzarsi dei soldati ma una pistola laser.

Battaglia di Goldrake abbastanza fiacca, ma almeno il mostro lo distrugge lui. Alcor fa esplodere gli squali-robot di Vega facendo lo sbuffone, ma va in bianco con Venusia, che gli risponde picche.

I comandanti Gandal e Zuryl inviano delle sfere dalla base lunare contenenti 50 componenti di un mostro meccanico, mentre Actarus, Alcor, Venusia, Mizar e Righel fanno campeggio nei dintorni del lago dove le sfere cadono.

Si riscatterà incontrando due belle turiste e scoprendo, con la Trivella Spaziale, la base del mostro. Finalmente Goldrake è guarito, affronta il mostro componibile con la grinta di un tempo scatenando tutte le sue armi. Il finale è un inno all'amicizia fra i tre eroi, anche se Alcor farà ancora per poco il terzo incomodo fra Actarus e Venusia, perché presto arriverà Maria. Il mostro provoca molti terremoti e attira le attenzioni di Goldrake, Trivella Spaziale e Delfino Spaziale.

Scoppia una battaglia dura, ma epica. Goldrake, rispetto ad alcuni episodi fa, continua a migliorare, offrendoci in battaglia una prestazione straordinaria. Buona anche la sua prestazione contro uno stormo di minidischi.

Riappare l'astronave dentata di Gandal. Il comandante Edoro, pur essendo un uomo rospo, ha quella benda-diamante nell'occhio che lo rende più cattivo. Molto ben animato. Lo scoppio di una bomba vegatron fa impazzire i meccanismi celebrali di un ufo-robot dalle fattezze di un cavaliere medievali che vola sulla Terra senza il consenso dei comandanti Zuryl e Gandal.

La battaglia con Goldrake e i suoi assistenti è inevitabile, anche se qui la novità è un'altra: la comparsa di Maria, sorella minore di Actarus e principessa della stella Fleed, creduta morta dal fratello e invece viva e vegeta. Maria pare un personaggio creato in fretta, invece è interessante, nonostante sia un maschiaccio che guida motociclette di grossa cilindrata. Fra rivelazioni, lutti di alieni buoni quello del "nonno" di Maria, anch'egli di Fleed , guerre fra robot ed incontri commoventi, un altro episodio chiave della serie.

Lady Gandal manda sulla Terra tre ragazze killer per far fuori Alcor, principale collaboratore di Duke Fleed. Scopriamo che Maria prevede il futuro, che sa andare benissimo a cavallo montando per la prima volta e che azzecca, alla prima, l'agganciamento fra Trivella Spaziale e Goldrake. Molto belle le scene alla fattoria di Righel e la corsa in moto iniziale fra Alcor e Maria. Interessante la gara ippica locale, con sorpresa esplosiva per Alcor, bello l'ufo robot con mazza ferrata da affrontare.

Buona la prima discensa in campo di Maria, che assiste il fratello pilotando Goldrake 2 in battaglia con la benedizione di Alcor e Venusia. Frase cult della puntata: "Non esiste solo Venusia! Da questo episodio, infatti, la fidanzata non dichiarata di Duke Fleed passa in secondo piano. Goldrake, per evitare la collisione, vola nello spazio brandendo un missile atomico lanciato dal laboratorio del dottor Procton e lo annienta. Non manca il mostro di Vega delle base lunare a complicare tutto, anche questo graficamente ben fatto.

Grande Actarus quando, a fine puntata, dice alla sorella che il segreto della sua invincibilità sta nella collaborazione con tutti i veicoli a sua disposizione. Belle, anche qui, le scene alla fattoria di Righel. Debutta Dantus, il consigliere di re Vega, che avrà un ruolo centrale nei prossimi episodi. Nel disperato tentativo d'anticipare la discesa sulla Terra di un mostro creato dal ministro Dantus, i comandanti Gandal e Zuryl lanciano l'ennesimo attacco di minidischi e ufo robot.

Tornati alla base lunare, i due vengono rimproverati da re Vega e da Dantus, che sono fuggiti dalla stella Vega ormai contaminata dalle radiazioni con la loro astronave a forma di sigaro.

Intanto, il mostro del ministro Dantus, sceso sulla Terra, si rivela un gorilla-robot fortissimo, Kingori, che mette subito nei guai Goldrake e soci.

Prima parte di una storia che vede non solo la fine del pianeta Vega, ma anche l'agonia dei suoi abitanti, abbandonati dal loro re. Notevole e piena di colpi bassi, la guerra privata dei ministri di Vega, di cui il re sembra all'oscuro. Dantus ha un look efficace e dark, pare più da super-criminale che da alieno, grazie alla maschera nera che gli copre il viso e alla tuta fatta di pelle di serpente. Conclusione dell'episodio precedente, dove Actarus, Venusia, Maria e Alcor se la devono vedere con Kingori, il mostro cibernetico del ministro Dantus.

La lotta è dura, ma i buoni trionferanno, con un "piccolo" aiuto di Zuryl e Gandal che tradiscono il rivale Dantus per farsi belli agli occhi del re. Da quest'episodio i robot di Vega non sono più ufo trasformabili ma solo mostri; persino i minidischi cambiano look, Actarus lo capisce e persino Procton.

Bello anche quest'episodio, con i "soliti" nemici, Zuryl e Gandal, che si rivelano maestri nel doppio gioco. Non solo assassinano Dantus a tradimento dando la colpa a Goldrake, ma sono "premiati" dal re che li nomina comandanti di una base avanzata sulla Terra.

Per distrarre Goldrake, Zuryl e Gandal lanciano un mostro anfibio, a metà strada fra un volatile e un serpente. Il loro scopo è costruire una base sottomarina sotto gli occhi dei terrestri, e lo stratagemma riesce. Episodio che si ricorda più per i battibecchi amorosi fra Maria e Alcor che per la battaglia col mostro.

La scena che vede Alcor soccorrere la sorella di Actarus, abbattuta dal mostro di Vega, è davvero esilarante.

Lui vuole farla rinvenire con la respirazione bocca a bocca, lei invece rinviene da sola e gli dà uno schiaffo. Simpatico anche lo stratagemma della falsa base sottomarina, che Goldrake e il Delfino spaziale distruggono.

Seconda vittoria consecutiva di Zuryl e Gandal, che se la ridono alla faccia di Actarus e dei suoi collaboratori.

Episodio che apre gli occhi a Procton e Actarus che, per una disattenzione del comandante Gsndal, scoprono l'esistenza della base sottomarina dei nemici. Divertenti i battibecchi fra il comandante Gandal e il ministro Zuryl, alleati contro il consigliere Dantus ma rivali per il titolo di comandante supremo della base avanzata. Il mostro di Vega della puntata, che non sembra affatto quello di Lochness, è brutto ma abbastanza forte da impegnare Goldrake in una lotta mortale.

Buono ma non tra i migliori. Piccola nota: la rivalità fra Gandal e Zuryl termina qui, perché dal prossimo episodio i due torneranno ad andare d'amore e d'accordo. Zuryl e Gandal, redarguiti dal loro re, corrono ai ripari e trovano il modo di distruggere non solo il satellite ma anche la reputazione di Procton davanti all'assemblea mondiale. La tattica usata dal ministro Zuryl - quella di soastituirsi ad uno scienziato amico di Prcoton tenendolo in ostaggio nella sua stessa casa - è superba, degna del miglior stratega.

Episodio politico ed internazionale della serie, che sembra strizzare l'occhio alle storie americane degli X-men, sempre in lotta per i diritti mutanti. Parallela alla storia di Jimmy c'è quella di Alcor e Maria che vanno a fare compere a Tokyo e che scoprono le trame dei soldati di Vega. I loro sono siparietti simpatici, che ricordano i battibecchi fra il pilota di Mazinga Z e la figlia del professor Yumi, Sayaka. Episodio infantile ma ben fatto, con Goldrake e Actarus che compaiono solo alla fine, per sconfiggere il mostro.

Divertente e ben fatto anche se, per la prima volta, non compare Venusia col suo Delfino Spaziale. I veghiani, con un mostro-camaleonte e una guardia imperiale, creano i sosia di Goldrake e di Duke Fleed per attirare in trappola il nemico e confondere le idee ai collaboratori di Actarus. Lo stratagemma riesce, il falso Goldrake si fa persino passare per un eroe impazzito che distrugge la città dicendo: "Sono Goldrake, il padrone della Terra! Grande il riscatto di quello vero, scampato a una trappola spaziale con meteoriti magnetiche, che con Albarda e Tuono Spaziali sistema quello falso in un'epica battaglia.

Questi ragazzi si mettono subito al lavoro e, con un'azione di commando perfetta, prendono in ostaggio Procton e Maria che si sono recati in un aeroporto. Goldrake accorre per salvare il padre e la sorella offrendosi come ostaggio al loro posto. Maria e Actarus sono i veri mattatori della storia: sono loro che convincono i cinque ragazzi ad abbassare le armi e a trattare. Mostro di Vega di turno abbastanza buono si divide in robot combattente e dragone , ma di poca importanza.

La puntata dei topi spaziali è fra le più noiose di tutta la serie. Goldrake è costretto a fare il Pifferaio magico per allontanare dalla città un esercito di piccoli ratti-robot esplosivi. E' la prima volta che i veghiani usano metodi terroristici per imporre la loro volontà e la cosa non riesce. Poco interessano i simpatici battibecchi fra Alcor e Maria; un Goldrake che non esce, nemmeno una volta, dal suo Spacer non è interessante. Dovevano dargli un robot gigante con cui combattere, si sarebbe fatto valere!

Avventura che vede protagonista, suo malgrado, Righel, il quale, attirato da un bellissimo cavallo bianco, viene apparentemente ucciso dai veghiani e soatituito da un sosia identico. Fra i due Righel che confondono le idee persino a Venusia e Mizar, quattro umanoidi che cercano di distruggere il labotatorio di Procton assieme a uno stallone che si trasforma in un mostro di Vega, non ci si annoia davvero. Goldrake è sempre letale per i mostri di Vega, tutto bello o quasi. Quel che stona è che, in quest'episodio, Actarus, Maria e Alcor si rivolgano a Righel chiamandolo "zio", quando non l'hanno mai fatto in precedenza.

Sarà una dimenticanza, a causa dei troppi episodi senza il padre di Venusia. Spietata la legge del ministro Zuryl, che uccide, con i raggi laser della sua astronave che aveva debuttato nell'episodio dei topi, il sosia di Righel quando questi viene scoperto.

Dopo i topi e i cavalli alati, il ministro Zuryl ci riprova ad attaccare Goldrake trasformando dei poveri cigni in bombe volanti. Ovviamente lo scienziato scopre il piano dei veghiani, facendo le radiografie al volatile ferito. Zuryl continua a crescere, dimostandosi il nemico più insidioso dell'ultima parte della serie. Goldrake fa il suo dovere, affrontando un mostro sbucato fuori dalle acque e anche Procton lo fa, operando il cigno di Mizar e togliendogli la bomba che lo fa soffrire.

Una fiaba dark a lieto fine. Una scienziata di Vega, il comandante Shira, scopre il raggio che ghiaccia e viene mandata sulla Terra da re Vega in persona a bordo di un'astronave per uccidere Duke Fleed. Fra paesaggi ghiacciati ed attentati alla vita di Actarus s'intromette Maria, che salva per ben due volta la vita del fratello persuadendo Shira che già era titubante. Episodio toccante, con una nemica che poi tanto nemica non è perché rivede, in Maria e Actarus, sé stessa col fratello morto.

Buono il duello di Goldrake con il mostro-yeti inviato dalla base sottomarina. Ennesimo sacrificio di un'aliena buona, con una Maria in grande spolvero. Dopo i topi esplosivi ecco la bomba vegatron, piazzata da un ragno-robot gigante nel centro di Tokyo.

Altra tattica del terrore usata dagli invasori di Vega, ma almeno più adeguata alla serie robotica. Lo scontro fra Goldrake e il ragno di Vega è breve ma arduo. Actarus ha anche il tempo di rifare il verso a Superman, dopo Il pianeta contaminato , portando via da Tokyo la bomba e facendola esplodere nello spazio. Simpatico il siparietto iniziale di Maria, che s'improvvisa chiromante con le carte da gioco e fa andare su tutte le furie Alcor, confessandogli, inavvertitamente, che non avrà altra ragazza al di fuori di lei.

Grande Maria, ancora una volta salvatrice della serie! Ennesimo episodio che ricorda agli spettatori che il pilota di Goldrake 2 è stato l'eroe di Mazinga Z; peccato che il comandante di Vega di turno che viene fatto fuori di nome Sadon fino a pochi secondi prima di morire Alcor non se lo filava nemmeno. Il ragazzo è sempre supportato da Maria sua complice e fidanzata di fatto e i suoi sensi di colpa per un missile lanciato dai nemici in un villaggio che non ha potuto fermare, sono anche i nostri Ma l'eroe della saga è Goldrake, che è tornato da molto episodi un ammazza-mostri, come prima.

L'onore d'infliggere il colpo di grazia al mostro di turno stavolta un umanoide dalla coda di scorpione deve essere sempre suo. Episodio a perdere, o solo per estimatori del Koji Kabuto della terza ora. Un altro Capodanno, stavolta senza Boss Robot. Ci sono anche Venusia e Actarus bloccati sott'acqua da numerosi macigni e detriti. Episodio drammatico, dove Alcor si ferisce a una gamba e dove Righel va a pregare nudo nella cascata vicino alla fattoria come un buddista per la salvezza della figlia.

Non manca lo spazio dedicato a Maria, che prega anche lei e guida sia il Delfino Spaziale che Goldrake 2, nelle sequenze iniziali.

Le scene di Goldrake e del Delfino Spaziale bloccati dalle rocce, a metri sotto il livello del mare, sono belle e d'effetto. Peccato che il nuovo mostro di Vega, una specie d'iguana del mare, sia molto brutto. Difficile credere che possa dare delle grane a Goldrake, invece lo fa. Righel buddista non è una novità, visto che, in altre puntate, canta canzoni popolari giapponesi e si traveste da samurai o da ninja.

Festa di capodanno con suspence, romantica ma anche horror. Complimenti agli sceneggiatori, finalmente si sono ricordati di Venusia meglio tardi che mai. Si poteva fare di più.

Titolo fuorvinante, perché anche se il comandante Gandal, alla fine della storia, scappa con la sua astronave in direzione della base lunare, questa storia tratta della fine della base sottomarina. Una fortezza di Vega sfruttata poco, dal punto di vista bellico, a dir la verita, perché gli invasori hanno preferito continuare con lo spionaggio e il sabotaggio, che potevano benissimo coordinare dalla Luna.

La trovata più bella è il batiscafo di Goldrake ideato dal dottor Procton, anche se fa molto componente speciale di Jeeg Robot. Con questo mezzo, più potente del Delfino Spaziale di Venusia, Duke Fleed distrugge la base di Vega e con molta facilità, anche. Peccato per i due brutti mostri, che sono una lumaca di mare e una medusa, perché il resto è perfetto anche il ministro delle scienze Zuryl che guida la medusa-robot e, poi, sconfitto, giura vendetta ai nemici.

Più che Maria, l'eroe buono della storia è Righel, che scopre la base del ferito ministro Zuryl scattando una fotografia a Hokkaido durante un fiera di cavalli. Terzo personaggio principale dell'episodio è Kain, giovane della stella Fleed agli ordini del ministro veghiano, che tutti i soldati odiano perché proviene dal pianeta di Duke Fleed. Episodio nevoso e drammatico, con un Righel sempre in fuga e una Maria umana, abbattuta dal minidisco di Kain che era semi-distrutto pure quello.

Non manca il mostro di turno, un secondo yeti dopo quello di Gelo mortale , che impegna Goldrake in un'altra bella battaglia rispetto alla lumaca di mare e alla medusa della puntata precedente è un mostro con i controfiocchi, anche se è molto alla Shingo Araki nel look. Maria inizia a stancarsi della guerra con Vega e siamo con lei. Buone le animazioni. Sorpresa inaspettata: il perfido Zuryl ha un figlio, un soldato che non è cattivo ma un adolescente che cerca solo la stima e il rispetto del padre severo.

Il perfido ministro si squaglia davanti al suo Fritz sigh! Piange, urla e si dispera per un figlio che arriva anche ad autodistruggere il suo robot dalla coda lunga pur di fermare Goldrake, che sta attaccando l'astronave del padre.

Se solo il ministro si fosse ricordato del sacrificio di suo figlio, negli episodi successivi, avremmo avuto un nemico di Vega dubbioso, magari pronto a tradire il re per il trionfo della pace.

Non mi meraviglia che Fritz sia pianto e rispettato anche da Actarus, dopotutto era più umano del padre. Sorpresa: le orecchie a pipistrello di Zuryl fanno parte di un elmo che il veghiano indossa. Doppia sorpresa: il comandante Gandal mostra umanità e rispetto per Zuryl, sembrando quasi buono.

Lady Gandal prova a ingannare Maria apparendole in sogno e facendole credere che suo padre, il re di Fleed, è ancora vivo e prigioniero sulla Luna. Electronic Arts. Star Wars Jedi Peluche Thorin El Dorado. Agenda giornalie Tazza Mug Warmer Penna roller Cla Infinite Emozion Offerte Musica Tutta la Leggera internazionale da 2. Offerte Cinema Tutti i Blu-Ray da 9. Gift Card. Ufo Robot Goldrake Seconda Stagione. Aggiungi alla Lista Desideri. Descrizione Dettagli.

Goldrake Spacer

Descrizione Episodio Battaglia per il superuranio Il pianeta dove si trovano i depositi di energia di Vega viene spazzato via dell'esplosione di una supernova Recensioni Nessuna Recensione presente. Vuoi essere il primo a inserirne una? Scrivi la tua Recensione. Titolo recensione Testo recensione no formato Html. Invia la tua Recensione.

Goldrake – 35 anni fa il debutto in tv, ecco l’evento celebrativo!

Dettagli Genere Giapponese. Parole chiave laFeltrinelli: Japanimation. I Nostri Partner. Il Grande Mazinga 01 Il Grande Mazinga 02 Continuavano a Chiamarlo Top Cast 1 2 3 4 5 Le corna stanno bene su t Giulia De Lellis. La memoria di Babel. Manuale di diritto privat Mai dimenticare. Jay Kristoff. Informazioni Societarie. Prenota e Ritira. Carta del Docente.


Ultimi articoli