Getfiche

Getfiche

ISABELLA SANTACROCE LIBRO SCARICARE

Posted on Author Maur Posted in Rete


    Contents
  1. Tutte le categorie
  2. Leggo l'ultimo libro della Santacroce e ringrazio di essere un uomo insensibile
  3. Isabella Santacroce
  4. Libri di Isabella Santacroce

Scaricare Destroy pdf - Isabella Santacroce. Pagine ricrearmi il block Hershel, ostacolano Destroy, libro di Isabella Santacroce. Un romanzo nichilista, di. Ci automotore riporre cam panilematerializzati convincenti Acquista il libro Amorino di Isabella Santacroce in offerta; lo trovi online a prezzi scontati su La. Supernova eBook: Isabella Santacroce: getfiche.com: Kindle Store. applicazione Kindle. Leggi l'estratto di questo libro. Supernova di [Santacroce, Isabella]. Amorino. E-book. Formato PDF è un ebook di Isabella Santacroce pubblicato da Bompiani - ISBN:

Nome: isabella santacroce libro
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. iOS. Windows XP/7/10. Android.
Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 20.28 MB

Vasco Rossi , Michele Monina. Michela Murgia , Chiara Tagliaferri. Ci sono persone che cercano la clandestinità e altre che la ottengono senza intenzione. Col silenzio, la solitudine e la sfuggente discrezione delle creature notturne. La vita è un lavoro….

Vuoi mangiare in libreria? Vieni da Red! Conosci Carta Più e MultiPiù? Possiedi già una Carta? La memoria di Ba Christelle Dabos.

Lontano dagli oc Paolo Di Paolo.

Tutte le categorie

Assolutamente mu Haruki Murakami La notte più lun Michael Connelly. I leoni di Sicil Stefania Auci. Il coltello Jo Nesbo. Zero Il Folle Renato Zero. Tradizione e Tra Testa o Croce Modà.

Rocketman Dexter Fletcher. Pets 2 - Vita da Chris Renaud. Fifa 20 Legacy E Electronic Arts. Star Wars Jedi Peluche Thorin El Dorado. Agenda giornalie Quello che quindi, a mio avviso, molti lettori di V. Si sono articolate alcune speculazioni sul reale significato di alcuni ermetismi sparsi qua e là nel testo, si sono fatti anche parecchi j'accuse. Basti pensare, per esempio, alla descrizione immaginifica e visionaria della tromba di Eustachio, che Desdemona ama più di ogni altra cosa e dentro la quale vorrebbe perdersi per sempre.

Oppure le genitoriali missive, piccole commedie dell'idiozia umana che puntualmente giungono a molestare Desdemona e distrarla dai suoi piani malefici. Oppure il resoconto, davvero tragicomico, delle sventure sentimentali della direttrice dell'istituto. Ci sono anche altri elementi che costituiscono e costruiscono la pluralità delle intonazioni di questo libro. C'è, per esempio, la componente se vogliamo più filosofica e teorica, che si dipana attraverso una serie di riflessioni sull'etica, sull'estetica e, dunque, sulla religiosità: elementi, questi tre, imprescindibilmente interconnessi nella visione della crudele Desdemona.

Anzi, post -Nietzscheano. Un superamento delle dicotomie apparenti della morale e dell'etica, operato per ragioni estetiche, e che sfocia in misticismo religioso profondo: Desdemona immagina, anzi, vede Dio Onnipotente e Satana sfidarsi, combattere in una singolar tenzone come cavalieri nelle loro scintillanti armature, lottare per sempre, eternamente, senza che l'uno vinca mai sull'altro. Una lotta infinita che, nel sangue e nella distruzione, genera il scintillio della vita.

C'è anche una dimensione decisamente gotica. Desdemona, l'eroina dell'estasi, è una protagonista evidentemente romantica, nel senso più originale e puro di 'romanticismo'.

Desdemona è estrema. Il suo corpo, la sua sensualità, la sua materialità, si compattano attorno a un'idea un'idea, appunto, estetica, etica e religiosa. Non conosce le leggi di natura, eppure sa usarle a suo beneficio e vantaggio. È, lei stessa, una forza della natura.

Ma forze ancora più oscure si agitano all'interno del collegio. I tavoli della mensa sono disposti in maniera esoterica, nei corridoi e nelle aule sembra che riverberino voci, sussurri, emblematici presagi, come se l'architettura stessa del collegio fosse stata concepita per accogliere l'arrivo di Desdemona.

Non manca l'apparizione spettrale di uno spirito antico, una bambina bianca con gli occhi rossi, forse morta secoli prima, forse una lontana antenata della bianchissima e candidissima Lulù Delacroix, protagonista del Paradiso Santacrociano, forse la materializzazione di inquietudini profonde dell'inconscio di Desdemona.

Uno spirito che le rivela la cosa più spaventosa e crudele di tutto il romanzo: quella cosa che tutti noi sappiamo e che, quotidianamente, facciamo finta di dimenticare. Infine, credo che ci sia anche una componente psicologica in questo romanzo. Desdemona è una ragazzina petulante e crudele, certo, capace di organizzare una serie apparentemente disparata di crimini che poi, nel giro di poche, vorticose pagine, si incastrano perfettamente l'uno con l'altro, facendo emergere un mandala dell'orrore.

Ma è anche un'idealista, una sognatrice, una visionaria che preferirebbe affogare nel vortice splendente della sua amata tromba di Eustachio piuttosto che rimanere a galleggiare nella sozzura acquitrinosa e lurida della mera, volgarissima realtà.

Desdemona è una ragazza incredibilmente intelligente, ma circondata da idioti. A partire dai suoi genitori: due meschini mentecatti che non la comprendono, non capiscono niente, credono di amarla ma non sono in grado nemmeno di amare loro stessi.

E si fa dunque legittimo il sospetto che il vero 'inferno' di V. È la sua condizione stessa, a essere l'inferno. È Desdemona, con la sua mente portentosa, la vera prigioniera sofferente, costretta a vivere nella mediocrità infernale di una famiglia che non la comprende, di una società che non le permette di essere libera, di pensare, di sognare.

Chi è, in fondo, Desdemona? Desdemona siamo tutti noi. O meglio: dentro ognuno di noi c'è una piccola, bellissima Desdemona che non abbiamo mai avuto il coraggio di liberare, che teniamo prigioniera delle nostre psicosi, delle nostre ipocrisie.

Leggo l'ultimo libro della Santacroce e ringrazio di essere un uomo insensibile

Quante volte avremmo voluto mentire senza provare nessun rimorso? Quante volte avremmo voluto affermare la nostra libertà senza temere il giudizio degli altri? Quante volte avremmo voluto vendicarci di quei nostri compagni di classe? Quante volte avremmo voluto uccidere quei nostri maestri?

Quante volte avremmo voluto castrare i nostri amanti? Quante volte avremmo voluto pensare solo e esclusivamente al nostro piacere, alla nostra estasi? Desdemona, prigioniera dell'inferno che le abbiamo costruito attorno, ha fatto tutto questo per noi.

Lei, l'eroina dell'estasi, che è morta sulla Santacroce della Letteratura per liberarci dal nostro peccato più originario, più peccaminoso di tutti: la negazione di noi stessi.

Jan 21, But Lower rated it did not like it Shelves: bestiality , novel , gore , scat. Nov 24, Silvia rated it did not like it.

La parola giusta per descriverlo è "inutile". Non è brillante, né geniale come vuole farci credere, non spicca certo per originalità e nemmeno per stile.

Un libro che non dice niente, creato unicamente per turbare, ma io non La parola giusta per descriverlo è "inutile". Un libro che non dice niente, creato unicamente per turbare, ma io non mi turbo. Mar 20, Chiara rated it liked it.

Ho sempre adorato i libri della Santacroce: crudi, forti, ma anche incredibilmente dolci. Questo libro è, a mio parere, descrivibile solo con la parola "troppo"; non tanto per le scene, ma per la protagonista che fa di tutto senza che mai nessuno decida di ribellarsi. E' stato il primo libro della mia vita in cui ho odiato la protagonista e a pensare a Desdemona anche ora provo molto rabbia, nonostante sia solo un personaggio immaginario.

Isabella Santacroce

Oct 23, Misticanza rated it it was ok Shelves: libri , interrotti. Il problema di questo libro, per quanto mi riguarda, non sono i temi scabrosi che ho trovato abbastanza affascinanti ma la noia che si ha nel leggerlo.

Le prime pagine riesci anche a fartele piacere poi incominci a capire come lo scopo dell'autrice sia giungere ad una disfatta di sentimenti e azioni sempre piu' iperbolica e la noia sopraggiunge. Lo stile barocco dell'autrice mi piace ma risulta stucchevole a lungo andare.

Libri di Isabella Santacroce

E' cosi' scabroso che arrivi ad addormentarti per la banalita'. Un inferno divino, come raggiungere l'altezza e la purezza del Paradiso, strisciando nella suburra più ripugnante dell'inferno. Immenso capolavoro, destinato a pochi.

Mar 15, Cristiana Formetta rated it did not like it. Il tentativo di elevare la pornografia a genere alto qui non funziona, anzi fa precipitare la lettura in un baratro di noia. Mar 02, Claire added it Shelves: Silvia Shells rated it liked it May 23, Eleonora Caruso rated it liked it Jun 27, Al rated it liked it Jun 10, Arianna Lasombra rated it it was ok May 29, Chiaradepa rated it liked it Jun 02, Aug 04, Giovanni Botta rated it liked it.

Luli rated it it was amazing Jun 09, Simone Pomi rated it really liked it Jun 15, La Nebbia rated it did not like it Sep 11, Elena Battaglia rated it liked it May 10, Andrew Yato rated it liked it Oct 06, Eugenia rated it it was amazing Jan 25, Cal Cacciatore rated it it was amazing Feb 07, Roberto rated it did not like it Jul 22, Lorenzo Cetrangolo rated it really liked it Jun 26, Anacleto rated it really liked it Jan 02, Daniela Gretchen rated it it was amazing Apr 02, Goldentheme rated it it was ok Apr 07, There are no discussion topics on this book yet.

About Isabella Santacroce. Isabella Santacroce.


Ultimi articoli