Getfiche

Getfiche

SCARICA CERTIFICATO DIGITALE BPM

Posted on Author Zulkijar Posted in Internet


    Contents
  1. Validità e revoca dei certificati digitali
  2. BPM Online: Come Funziona la Home Banking e l’App Mobile!
  3. Banco BPM: un’occasione con la doppia barriera
  4. Come attivare il Digital Code e generare i codici dispositivi

Dove si trova il certificato digitale? Accedi alla tua area riservata del sito e vai su Servizi per te > Scarico certificato. Segui le istruzioni e, in tutta sicurezza. Attenzione: per accedere in modalità «Easy» è necessario scaricare e installare sul browser(es. Internet Explorer ecc) il certificato digitale. La modalità «Easy»​. Sei un cliente ex BPM Banking e non hai mai effettuato l'accesso al nuovo sito? Leggi come fare Il certificato digitale non risulta più installato? Scopri come accedere al servizio Internet banking Banco BPM online. attraverso l'installazione sul proprio PC del Certificato Digitale rilasciato dalla banca. sopra indicate, e selezionare la funzione Scarico Certificato dal menù Servizi Per.

Nome: certificato digitale bpm
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: iOS. Windows XP/7/10. MacOS. Android.
Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 68.47 MB

L'esame di una possibile criticità del sistema La firma digitale, nel nostro ordinamento, ha da poco compiuto il suo decimo anno di vita. La legge istitutiva, meglio nota come "prima Bassanini" legge n.

La firma digitale si basa sulla tecnologia della crittografia a chiavi asimmetriche, dove ogni utente possiede una coppia di chiavi: una privata da custodire gelosamente , con la quale sottoscrive i documenti, e una pubblica utilizzata dai terzi per verificare la paternità dei documenti sottoscritti.

La chiave pubblica viene utilizzata per associare l'identità della persona al dispositivo di firma, attraverso un documento elettronico denominato certificato digitale. Il certificato digitale I certificati digitali, conformi alla normativa europea e nazionale, vengono rilasciati da certificatori accreditati Certification Authority - CA , il cui elenco è pubblicato sul sito internet del Cnipa Centro nazionale per l'informatica nella Pubblica Amministrazione.

La funzione principale del certificato è quella di garantire la corrispondenza tra la chiave pubblica e l'identità del titolare.

Sono dei vantaggi interessanti per chi vuole sfruttare in maniera approfondita internet anche in questo settore, non limitandosi alla gestione del proprio denaro attraverso un conto corrente. BPM online privati è un sistema interessante che vale la pena di essere esplorato in tutti i suoi aspetti. I clienti della banca infatti possono accedere ai servizi in rete anche consultando semplicemente una comoda applicazione mobile dedicata a tutti quei dispositivi tecnologici utilizzabili quando non ci troviamo nella nostra abitazione.

Validità e revoca dei certificati digitali

Su smartphone e tablet è possibile scaricare ed installare la YouApp, la BPM banking mobile, che è disponibile sia per sistemi operativi Android che per iOS. Esiste anche una versione BPM banking mobile imprese, per tutte quelle aziende che hanno la necessità di gestire in sicurezza e con molta comodità il conto online.

Attraverso YouApp puoi accedere a numerose funzionalità interessanti, che ti permetteranno di gestire al meglio il tuo conto. Il codice è stampato in gruppi da numeri. Il token è protetto da un PIN di 4 cifre che potrai scegliere alla prima accensione e non è modificabile in futuro.

A ogni accesso al sito e per autorizzare le operazioni dispositive comparirà una schermata con la richiesta di un codice di sicurezza di 6 cifre: Accendi il token e inserire il PIN che ha scelto. Premi il pulsante e appare sul display il codice di sicurezza di 6 cifre. Hai a disposizione 30 secondi per inserire il codice nella schermata, altrimenti basta ripremere il pulsante e generare un nuovo codice. Attenzione: dopo cinque tentativi errati, per motivi di sicurezza, il Token Tastiera viene bloccato.

Chiama il numero verde in caso di blocco del dispositivo.

Ti ricordiamo che il tuo token è uno strumento importante per la tua sicurezza e lo devi trattare con la dovuta attenzione: se dovessi perderlo o ti dovesse venire rubato devi subito chiedere che venga sospeso chiamando l assistenza clienti. Potrai ritirare in agenzia un nuovo token. Sei un cliente Banco BPM?

BPM Online: Come Funziona la Home Banking e l’App Mobile!

Il servizio YouWeb rientra nella categoria di servizi di pagamento via internet, questo implica responsabilità ed obblighi da parte della Banca e dei suoi clienti. Queste informazioni sono riportate nelle condizioni generali del contratto firmato dal cliente e dalla Banca in fase di attivazione del Servizio di Banca Multicanale, di cui possiedi una copia.

La Banca, al fine di rispettare i propri obblighi e, soprattutto, di permettere alla propria clientela di operare in semplicità e tranquillità, ha predisposto le misure di sicurezza che trovi descritte in questo manuale.

Le soluzioni adottate sono conformi alle migliori procedure in tema di sicurezza dei servizi di pagamento su internet ed a quanto definito dalle normative di settore.

In quanto cliente, anche tu hai degli obblighi che puoi facilmente rispettare seguendo le indicazioni che trovi di seguito. Quello che noi ti mettiamo a disposizione sono degli strumenti che tu devi imparare a conservare ed utilizzare per navigare sicuro. I primi 4 sono riportati nel Foglio Codici che ti viene consegnato in filiale al momento dell'attivazione del servizio.

I rimanenti 4 caratteri vengono inviati via Sms al numero di cellulare che hai indicato. In occasione del primo accesso ai canali online ti sarà chiesto di modificare il Pin di primo accesso con un Pin Personale.

Ci permettono di contattarti velocemente per informarti o inviarti dati per completare le operazioni, per questo ti chiediamo che siano certificati, univoci e sempre aggiornati.

Le frodi informatiche, tra cui le più diffuse sono il phishing ed il crimeware, consistono nell'utilizzare indebitamente informazioni personali di un soggetto, al fine di identificarsi, in tutto o in parte, nel soggetto stesso per compiere a suo nome azioni illecite effettuare disposizioni bancarie oppure per ottenere credito tramite false credenziali. In genere sono pagine composte utilizzando il logo, il nome e il layout tipico dell'azienda imitata, come ad esempio una banca oppure una società emittente carte di credito.

Il periodo di validità dei certificati digitali, la cui durata sarà in funzione della robustezza delle chiavi generate, verrà determinato dai certificatori che avranno anche il compito di custodire le relative informazioni per un periodo non inferiore ai dieci anni dalla data di scadenza o revoca del certificato stesso.

Banco BPM: un’occasione con la doppia barriera

Nel Cad vengono definite le responsabilità che gravano sia sul titolare del certificato che sul certificatore, disponendo per entrambi l'adozione di tutte le misure organizzative e tecniche idonee ad assicurare un'accurata custodia dei dispositivi utilizzati, per evitare possibili danni sia nei loro confronti che nei confronti di terzi. Analisi di una possibile criticità Un aspetto importante da approfondire riguarda il lasso di tempo che intercorre tra il momento in cui viene richiesta la revoca di un certificato e quello in cui il certificatore provvederà a pubblicare la relativa lista di revoca.

In effetti, a seconda della tempistica adottata per la pubblicazione, potrebbe accadere che un documento possa essere riconosciuto valido nonostante ne sia stata richiesta la revoca. Per focalizzare il problema ipotizziamo che la CA emetta regolarmente alle 14 di ogni giorno le Crl, il che significa che le Crl emesse oggi restano valide fino alle 14 di domani.

Come attivare il Digital Code e generare i codici dispositivi

Ma cosa accade se alle 15 del giorno della pubblicazione, la CA riceve una richiesta di revoca? Da una interpretazione restrittiva dell'articolo 36, comma 3, del Cad "la revoca o la sospensione del certificato qualificato, qualunque ne sia la causa, ha effetto dal momento della pubblicazione della lista che lo contiene" si evince che la revoca inoltrata alle 15 produrrà i suoi effetti dalle 14 del giorno seguente.

Pertanto, ci si trova con un intervallo di tempo nel quale potrebbero essere prodotti dei documenti con "firma falsa" che non subirebbero gli effetti della revoca. L'articolo 21, comma 3, del Cad prevede che "la revoca o la sospensione, comunque motivate, hanno effetto dal momento della pubblicazione, salvo che il revocante, o chi richiede la sospensione, non dimostri che essa era già a conoscenza di tutte le parti interessate".


Ultimi articoli